30 luglio 2013

Investimenti pubblicitari al cinema






































Le stime del mercato pubblicitario indicano anche per il 2013 una dinamica negativa, Nielsen calcola che nei primi 5 mesi dell’anno la flessione totale della pubblicità rispetto allo stesso periodo del 2012 è del 17,2%, con i principali mezzi in forte calo: stampa a -23,5% e TV -16,2%, ma è la TV che perde i maggiori di ricavi dall'advertisingIn questo articolo ci occupiamo del mezzo Cinema perché il monitoraggio delle campagne nelle sale cinematografiche è stato oggetto di uno specifico studio condotto nell'ultimo mese da Barometro.

Gli ultimi dati Nielsen Research gennaio a maggio 2013 sugli investimenti pubblicitari nelle sale cinematografiche indicano una flessione del 15,5% sullo stesso periodo del 2012, minore di quasi due punti alla flessione della pubblicità nel suo complesso.





Il grafico riportato evidenzia la dinamica dal 2004 al 2012 della raccolta pubblicitaria per il mezzo cinema; l’adv al cinema aveva ricavi per 90,5 milioni di euro, nel 2012 i ricavi sono calati a 37,9 milioni di euro, in valori correnti la diminuzione nei 9 anni è di circa 52,7 milioni (-58%); considerando l’inflazione di questi anni la flessione è più accentuata (-65%).

A questo punto, siamo andati a prendere i dati Agis Cinetel sull'andamento degli incassi nelle sale cinematografiche:
  • Anno 2004: 577,5 mln di euro
  • Anno 2011: 661,7 mln di euro
  • Anno 2012: 609,0 mln di euro.

Da questi valori si evince che anche al box office il cinema non se la passa bene; nell'ultimo anno il cinema ha perso ricavi dalla vendita dei biglietti per 52,7 milioni di euro (-8%). Dal confronto tra gli incassi 2012 con quelli del 2004, anno base di questo articolo, emerge una variazione a prezzi correnti (inflazione inclusa) di +31,5 mln di euro e (+5,5%). Se poi andiamo a fare un confronto  a valori reali, con i ricavi deflazionati, la variazione degli incassi 2004-2012 è negativa del -15,2%.

Chiudiamo questo articolo, riportando il dato sull'incidenza degli investimenti pubblicitari al cinema sui ricavi delle sale (box office + adv): nel 2004 la pubblicità al cinema valeva il 14% del totale (box office + adv); nel 2012 la quota adv è crollata al 6%.

Di rado si tiene conto che quegli inserzionisti pubblicitari che hanno investito nella pubblicità al cinema contribuiscono a tenere in piedi un settore importante dell’industria culturale, quale quello cinematografico.