7 dicembre 2012

Curva Spread (Bund-Btp) - andamento 2011-2012

Clicca al nuovo post Spread della crisi in tempo reale 2013 
Associazione Donatori Sangue "Sapienza" Universita' di Roma


Segui gli aggiornamenti del nostro blog, inserendo la tua mail nella colonna a destra

(questa pagina è stata visitata anche Citigroup Londra il 4 gennaio 2013)
7 dicembre 2012 - Spread in crescita e s'impennano i Rendimenti dei titoli di Stato +1,3 punti.  Ricordo che lo spread indica il differenziale tra i rendimenti di due titoli pubblici, il Bund tedesco ed il Btp italiano. Quando lo spread sale significa che aumentano i timori che l'Italia non sia in grado di onorare il debito. La situazione dell'Italia permane grave e gli annunci che generano instabilità politica producono effetti negativi sui mercati finanziari.

Daniel Gros, economista e presidente del Centre for European Policy Studies (Ceps) di Bruxelles, ritiene che incide la psicologia del mercato. 
«Siamo in una fase in cui i fondamentali dell’economia non contano più tanto. Vale di più la psicologia del mercato: i dubbi degli investitori sono legati alla volontà del sistema politico di fare tutto ciò che deve essere fatto». La situazione non è chiara: «L’Italia è esposta – sottolinea Gros – e ha un debito elevatissimo; per questo gli investitori vendono. E più sale lo spread, più vendono, innescando un circolo vizioso».


















4 dicembre 2012 - Spread in picchiata e rendimenti ai minimi, oggi alle 12:56 a quota 304,61 
Il differenziale con i Bund è sceso ai valori minimi 2012 del marzo scorso, mentre il rendimento del Btp a 10 anni è tornato indietro ai primi mesi del 2011. Il miglioramento per i conti pubblici e il balzo in avanti dei Btp a più breve scadenza fa affermare al Premier Monti: mio obiettivo spread a 287 punti base, livello attuale non ancora accettabile. Speriamo che la fase ribassista si mantenga per i prossimi mesi affinché con il risparmio sugli interessi si possano recuperare le attese risorse finanziarie per la ripresa economica del paese.
Link: diagramma in tempo reale spread bund /btp 10 Y











Pubblichiamo la curva dell'andamento dei rendimenti del titolo Btp a 10 anni (GBTPGR10), rispetto agli ultimi 5 anni e al trend 2012, il 3 dicembre ha segnato un minimo di 4,45% punti percentuali.





















12 giugno 2012, spread s'impenna a quota 477, a chi addossare questa volta le responsabilità?


























Il diagramma è una rappresentazione sintetica della realtà, 
un'istantanea. La realtà ha più dimensioni.


7 maggio -  apertura delle contrattazioni delle borse europee, all'indomani del voto francese e greco, giù i titoli azionari e su il famigerato spread che si assesta a 390, dopo aver toccato quota 400.
La curva annuale che rileva day-by-day le oscillazioni del rapporto tra i tassi dei titoli tedeschi e quelli italiani, è impietosa per il Paese. 

La politica di stretta fiscale, più che di tagli alla spesa inefficiente dello Stato, enti locali e aziende pubbliche, avviata dal 1° Governo Monti, ha finora determinato il crollo dei consumi, chiusura di aziende e crisi occupazionale.
Nonostante ciò l'andamento dello spread si dimostra poco sensibile alla politica di rigore avviata dal Professor Monti, dal momento che basta un nulla per far risalire lo spread a livelli micidiali, che minano la capacità di ripresa dell'economia italiana entro il prossimo biennio.
E intanto negli Usa, l'occupazione torna a crescere (+115mila posti di lavoro), l'industria delle di Detroit è in ripresa  e gli indici azionari di Wall Street sono ai massimi da tre anni a questa parte.

(Spread significato) Spread BTP - Bund 
Legenda: Cos'è lo Spread btp bund, la quotazione e il grafico

Lo spread tra BTP e Bund identifica la differenza di rendimento esistente tra i titoli di Stato Italiani (BTP) e quelli tedeschi (Bund) che vengono visti come i più affidabili dell'eurozona.
Per il calcolo dello spread BTP - Bund vengono presi a riferimento titoli di stato con scadenza decennale. 
Più lo spread BTP - Bund sarà elevato (quindi un btp in percentuale rende di più) e maggiore sarà il grado di rischio reale o percepito dell'Italia rispetto la Germania. In termini pratici questo vuol dire che all'asta successiva, se l'Italia intende "piazzare" nuovi btp sarà costretta a riconoscere agli investitori un rendimento maggiore.