22 ottobre 2012

Ventura conduttrice di "Cielo che calcio!"

Articolo pubblicato il 29 ottobre 2012
La prima puntata di "Cielo che Gol", trasmessa domenica 28 ottobre, nella fascia oraria 14.00-18.34 realizza un ascolto medio di 185 mila spettatori con uno share dell'1,0%, con una variazione negativa di 0,4 punti rispetto alla domenica precedente, Cielo trasmetteva tra le 15:35-17:30 il film "Pelham 1 2 3 - ostaggi in metropolitana" e dopo "Cielo Gol - Il calcio prima di tutti".

Pericolo scampato per Raidue, i cui programmi pomeridiani registrano nell'ultima domenica un ascolto in crescita, rispetto alla settimana precedente.

"Quelli che" si attesta ad un ascolto medio 1,5 milioni ed uno share dell'8,3%, in crescita di 500 mila spettatori e 1,7 punti rispetto alla domenica precedente.
Il blocco del post partite, "Rai Sport - Stadio Sprint", condotto da Enrico Varriale, raggiunge un ascolto di 1,7 milioni ed uno share del 9,6%, con un aumento sulla settimana precedente di 0,9 punti e 291 mila spettatori. "Novantesimo Minuto" guidato da Franco Lauro si attesta a 2,3 milioni ed uno share dell'11,2%, segnando una variazione positiva di 352 mila spettatori.





















Articolo pubblicato il 22 ottobre 2012
Dal 28 ottobre la domenica televisiva si arricchisce di un nuovo contenitore pomeridiano:  “Cielo che Gol!” guidato da Simona Ventura e Alessandro Bonan.

Il vantaggio della nuova offerta di Cielo, visibile in chiaro, è di avere i collegamenti degli inviati dagli stadi. Insomma,  dalle premesse, il talk show di Simona Ventura ricorda “Quelli che il calcio”, che ricordiamo fu varato 20 anni fa su Raitre e condotto da Fabio Fazio e l’ausilio di Marino Bartoletti fino all’edizione del 2000, e successivamente il testimone passò proprio a Simona Ventura.

In conferenza stampa, è stato detto che “Cielo che Gol!” sarà un programma nuovo che cercherà di differenziarsi da quelli che lo hanno preceduto sugli altri canali generalisti: tra le novità un talent show per trovare nuovi telecronisti under 30. (VEDREMO).


Nel frattempo da circa un mese vanno in onda nella domenica pomeriggio quattro talk show sulle reti ex generaliste.

Su Raiuno alle 14 è ripartita “Domenica in – l’Arena”, condotta da Massimo Giletti, che che si conferma leader degli ascolti. da quest’anno SU “Domenica in – l’Arena”, è stato  inserito lo spazio politico “ il Protagonista”, che con l’intervista del 14 ottobre scorso a Matteo Renzi ha raggiunto il record di 3,1 milioni di spettatori con uno share del 22,2%.

Dopo le 16.30, sempre su Raiuno, si conferma il blocco di Lorella Cuccarini, “Domenica in – Così è la vita”. nella puntata del 21 ottobre “Così è la vita” ha ottenuto un ascolto di 2,0 milioni ed uno share del 15,4%.
Su Raidue il talk show di Victoria Cabello “Quelli che”, “erede” di Simona Ventura, ma senza la diretta dagli stadi, pur avendo un cast di artisti invidiabile, non decolla, e si assesta  a poco sotto un milione di spettatori e ad uno share del  6,6%.

Non va meglio su Rai3, Licia Colò con le “Falde del Kilimagiaro” si attesta nella media dei due parziali a 864mila, share del 6,3%.

Se i talk show di Raidue e Raitre mostrano risultati al di sotto della media di rete;  la nuova programmazione di  Canale 5 “Domenica Live”, con l’accoppiata Sabrina Scampini e Alessio Vinci, precipita a 1,2 milioni con uno share del 8,2% (dato del 21 ottobre).

Il risultato della domenica pomeriggio di Canale 5 sta allarmando i dirigenti di Mediaset e gli  inserzionisti pubblicitari, visto che lo scorso anno “Domenica Cinque” con la coppia  Federica Panicucci e Claudio Brachino, ad ottobre totalizzava un ascolto di 2,1 milioni spettatori ed uno share del 14%.




















Barometro certifica l’audience televisiva

Quando hai bisogno di uno studio circa gli ascolti TV di una rete o di una produzione televisiva che sia tempestivo, accurato, certificato: chiamaci allo 06.3735.0466 o scrivici a info@barometro.com.

• Eseguiamo elaborazioni statistiche approfondite sull'ascolto delle reti su fasce orarie di programmazione e target significativi (pubblicitari e socio demografici), che favoriscono la crescita degli ascolti e della raccolta pubblicitaria;

• Risolviamo le criticità di palinsesto per reti generaliste e canali tematici, individuando i generi, programmi e personaggi più corrispondenti ai target all'ascolto;

• Realizziamo ricerche ad hoc (atteggiamenti, gusti, gradimento, intenzioni di ascolto), su programmi pilota e in onda;

• Disponiamo di un potente ed aggiornato database dei programmi TV a cominciare dal 1994;

In questi anni abbiamo maturato un livello di competenza inarrivabile in Italia.