28 maggio 2010

con le Videolottery il jackpot si fa milionario?

di Luigi Ricci


Manca poco all’arrivo in Italia delle Videolottery, veri e propri apparecchi per l’intrattenimento di nuova generazione, da non confondersi con le celeberrime NewSlot che si vedono nei bar.


Al momento l'installazione di queste macchine da gioco è prevista

nelle sale bingo, le Agenzie di scommesse su eventi sportivi (non ippici) e le sale gioco, ma è possibile che in futuro possano andare a conquistare le postazioni attualmente occupate dalle NewSlot.


Le Videolottery, chiamate negli Usa Video Slots, sono quei giochi che affollano le sale dei casini da Las Vegas ad Atlantic City, da Monte Carlo alle navi da crociera, per il sogno di un jackpot milionario.

Le Video Slots sono l’essenza dell'industria dei casinò, lo diventeranno anche delle nostrane sale bingo?

Le Videolottery, chiamate con l’acronimo Vlt, favoriscono un maggior coinvolgimento del giocatore, e la possibilità di vincite più elevate dal momento che si può giocare da 0,50 euro per arrivare ad un costo massimo a partita di 10 euro.

Rispetto alle Newslot, con le Videolottery si può pagare la giocata sia con le monete che con le banconote; inoltre, è prevista la possibilità di utilizzare con Carte prepagate e smart card.

HBG Group, uno dei principali player italiani di questo settore, ha appena concluso un accordo strategico con Bally Technologies (colosso del gaming internazionale), per l’acquisto di 2000 Videolottery.

Antonio Porsia, giovane presidente di HBG Group, ha definito l’introduzione delle Vlt “fondamentali per ridisegnare il nuovo scenario per le sale bingo”.