31 marzo 2009

Lavorare da casa con meno stress


Nei momenti di crisi economica si deve affrontare anche il costo delle postazioni di lavoro.
Il telelavoro rappresenta una soluzione ideale, che però in Italia stenta ad affermarsi principalmente per motivi culturali.
Una postazione di telelavoro ha dei costi fissi contenuti, ed il lavoratore azzera i tempi degli spostamenti casa – ufficio che incidono di frequente per il 25% dell’orario di lavoro. Secondo una ricerca americana gli ingorghi, i ritardi dei treni ed i bus affollati sono causa di stress, che si riduce con il telelavoro.

Un altro vantaggio che ci arriva da una minor necessità di acquisto di un veicolo o di un motociclo, spesso indispensabile per andare a lavorare. Inoltre, si deve considerare una riduzione nel consumo di carburante, dell’abbonamento ai mezzi pubblici; voci di spesa che gravano sulla retribuzione mensile spesso per oltre il 10%.

Un’altra voce che viene tagliata è quella del pasto fuori casa, un piatto di pasta ed un’insalata mangiati a casa non hanno prezzo.

Dobbiamo sfatare il dubbio che con il telelavoro si riduce l’efficienza e diminuisce il senso di appartenenza all’azienda; la tecnologia a basso costo offre l’opportunità di rimanere connessi con un collegamento in vpn con il server dell’ufficio e di gestire il lavoro con la stessa qualità.

Con il Voip, si ha la possibilità di azzerare il costo delle chiamate e di organizzare delle audio conferenze con i propri colleghi in qualsiasi momento.