26 luglio 2007

Toyota Yaris Automobile Gay 2007 per Gaywheels.com

Da Gay.it Toyota Yaris è l'Automobile Gay 2007. Almeno di questa prima metà dell'anno, stando a un sondaggio fatto dal sito statunitense Gaywheels.com. Stiamo parlando della Toyota Yaris che in realtà mantiene il primo posto nella top ten delle auto più gradite al pubblico GLBT da un bel po' di tempo. Al secondo posto ad aprile 2006, detiene il primato della classifica da luglio dello scorso anno. Vanto di casa Toyota, il "piccolo genio" è stata da subito un'auto di successo per le sue dimensioni (piccola, ma non troppo, ideale per girare in città e anche per viaggiare), l'affidabilità e la versatilità. Non ultime le dotazioni di sicurezza, i bassi consumi e i numerosi accessori di serie. Secondo Quattroruote, inoltre, la Yaris è anche l'auto che mantiene il più alto valore dell'usato nel tempo. Di seguito le altre nove migliori classificate.

Prendo spunto da questa ricerca svolta sul Gaywheels.com dedicato alle consumatori di tipo GLBT (Gay Lesbian, Bisexual e transgender), per approfondire il tema del libro dal titolo I nuovi marketing (Marketing generazionale, marketing gay, marketing etnico), scritto da Tréguer Jean-Paul, Segati Jean-Marc.
Il libro spiega come nel marketing sia in atto una sorta di "rivoluzione culturale” In cui le strategie di marketing non possono più essere rivolte ad un consumatore medio. La novità dei nuovi marketing sta proprio nella segmentazione della domanda, perciò sono nati nuovi segmenti che stanno avendo un peso nei consumi crescente. cinque nuovi segmenti di mercato diversi e di altissima potenzialità: i bambini e gli adolescenti; gli adulti (dai 20 ai 50/60 anni); gli ultrasessantenni; i gay; i vari gruppi etnici.

In questo post, voglio parlare del segmento generalmente chiamato gay, diventato anche in Italia un target esteso (circa 5 milioni di persone gay o GLBT) ed appetibile per le aziende dal momento che sono solitamente definiti come consumatori di un profilo a reddito medio alto, molto colti, occupanti posizioni lavorative corredate da lauti guadagni, trandesetters per viaggi, prodotti tecnologici che per quelli voluttuari, e dotati di estremo senso del gusto e dell’estetica.
Il target gay può definirsi un target privilegiato per l’industria turistica, i viaggi aerei, le crociere. Negli Usa anche l’industria automobilistica, lo dimostra il successo di Gaywheels.com, hanno rivolto una rispettosa e profittevole attenzione al gay market. Molti altri settori merceologici (Levi’ s, Ikea ecc) hanno patrocinato le giornate del gay pride.In Italia il sito Gay.it conta tra i suoi partner commerciali aziende come Nokia, Microsoft, Siemens, Citroen, Tele2, Wind, Johnson&Johnson.
Per ulteriori informazioni contatta Barometro – info@barometro.com.