1 luglio 2007

Agenti e venditori le professioni più richieste dalle aziende

Cerchi lavoro? Agenti e venditori le professioni più ricercate in Italia nel 2006 secondo l'annuale Barometro Isfol delle professioni più ricercate dalle aziende. L'ultima indagine Isfol sulle offerte di lavoro qualificato da parte delle imprese si basa sulle inserzioni pubblicate sui principali quotidiani nazionali. L’indagine, realizzata in collaborazione con il Centro statistica aziendale (Csa) di Firenze, si riferisce all’anno 2006. Le prime posizioni, del “Barometro” delle trenta professioni più richieste dalle imprese italiane, sono saldamente occupate dalla figura dell’agente e del venditore.
1 Agente
2 Venditore
3 Operatore call center
4 Operaio
5 Consulente
6 Agente vendita
7 Agente monomandatario
8 Neolaureato
9 Operaio qualificato
10 Collaboratore commerciale
11 Addetto vendita
12 Telemarketing
13 Impiegato
14 Agente plurimandatario
15 Saldatore
16 Magazziniere
17 Elettricista
18 Manager
19 Funzionario commerciale
20 Agente chimico
21 Commesso
22 Laureato
23 Responsabile negozio
24 Agente commercio
25 Corsista
26 Tecnico
27 Promoter
28 Impiegato amministrativo
29 Meccanico
30 Area manager

Al quarto posto, nel 2006, si colloca la figura professionale dell’operaio, la cui richiesta rimane pressoché inalterata negli anni sia in termini assoluti che percentuali, comunque con una tendenza all’aumento (2.044 nel 2004, 3.958 nel 2006) mentre il consulente occupa la quinta posizione con 2.195 inserzioni (Tabella 1)Nel 2006 è presente, tra le prime dieci occupazioni, anche una rilevante novità, all’ottavo posto della classifica si colloca difatti la figura del neolaureato. Questa novità deve essere messa in connessione con gli effetti prodotti dalla riforma dell’ordinamento universitario. Le imprese, in questo caso, sembrerebbero offrire lavoro a molti giovani laureati di primo livello proponendo corsi di formazione finalizzati all’assunzione, i quali sono, talvolta, finanziati da aziende sponsor in modo da garantire un rimborso spese.
Le prime cinque figure professionali, qui brevemente delineate, rappresentano il 29,0% delle offerte di lavoro: in quasi un annuncio su tre è, quindi, richiesta un’occupazione tra quelle appena elencate. Il database degli annunci risulta così caratterizzato da una notevole dispersione rispetto ai valori con cui le diverse professioni si presentano: vi è, difatti, un insieme di poche voci elementari in cui sono concentrate una parte consistente di tutti gli annunci pubblicati, mentre le restanti sono, invece, presenti con valori via via più modesti.
Un approfondimento è stato quello di individuare le occupazioni la cui ricerca, mediante inserzioni a modulo, abbia registrato il maggiore incremento in valori assoluti e in percentuale, nel biennio 2004-2006. Si è ritenuto opportuno, per ragioni di significatività statistica, considerare soltanto le professioni che nel 2006 abbiano registrato almeno 100 annunci. (
Tabella 9). In questa speciale classifica si vedono gli aumenti di richieste per la figura del neolaureato, che per incremento percentuale, è al secondo posto; incrementi consistenti si verificano anche per la ricerca di operai, in valore assoluto, il maggiore incremento del biennio e di operai qualificati, al quarto posto per incrementi in valore assoluto.Tra le venti professioni prese in esame, nove sono riferite al settore commerciale, (agente, agente monomandatario, agente di vendita, agente plurimandatario responsabile di negozio, commesso), testimonianza del buon andamento del settore; numerose appaiono anche le figure professionali connesse con attività di tipo industriale, accanto agli operai, specializzati e non, si trovano elettricisti e saldatori.