26 maggio 2007

Wikipedia enciclopedia libera e globale

Microsoft, Apple, Yahoo, Cisco, Amazon, Ebay, Google, Myspace, Youtube, Second Life, e tanti altri brand di successo della new economy hanno un comune denominatore: sono Made in US. Le università e la comunità finanziaria americana in questi anni hanno formato, sovvenzionato e ricompensato tanti giovani talenti nello sforzo di far crescere dei modelli di business vincenti.

Alcune di queste aziende hanno ideato dei servizi capaci di cancellare le applicazioni che le hanno precedute, il vhs ha fatto fuori il beta, il dvd ha fatto fuori il vhs, il download farà fuori il dvd per la visione di film; il lettore mp3 ha mandato in pensione il “vecchio” Walkman, Youtube è un aggregatore di video che ha preso il posto della televisione per milioni di ragazzi; Google news ed i news aggregator stanno sottraendo in maniera inesorabile lettori ai giornali; Ebay è il paradiso dei collezionisti dove è possibile trovare di tutto.


Negli anni ’60 del secolo scorso le famiglie italiane acquistavano la televisione, la lavatrice e l’enciclopedia. Le enciclopedie più prestigiose erano la Utet e la Treccani, ma la più venduta era Conoscere, perché costava meno.

Con la diffusione dei personal computer nelle famiglie scoppia la moda dell’Enclopedia multimediale su cdrom, come Encarta (Microsoft), ma è una moda che dura poco, perché su internet si capisce subito che lì si trova tutto gratis o quasi. All'inizio, l’organizzazione della conoscenza su internet era distribuita in maniera frammentaria ed approfondire un argomento risultava difficile. Con l’arrivo dell’Enciclopedia Wikipedia nasce una sorgente che eroga la conoscenza, del passato e del presente.


Wikipedia l’enciclopedia on-line è un caso di successo della internet generation, anch'esso negli USA, la cui fama a livello mondiale è in continuo aumento. Nel 2006 Wikipedia è entrata nella top ten giornaliera dei siti più visitati, ricevendo circa 60 milioni di accessi al giorno. Wikipedia è un’enciclopedia digitale, multilingue, a open content (contenuto libero), che come ha dichiarato il fondatore della Wikipedia Fundation Jimmy Wales: “nasce come uno sforzo per creare e distribuire un’enciclopedia libera della più alta qualità possibile ad ogni singola persona sul pianeta nella propria lingua”. Wikipedia si caratterizza nel fatto che chiunque può scrivere ciò che sa, mettendo a disposizione conoscenza gratuita per la comunità di internet, e allo stesso tempo tutti possono modificare ciò che viene scritto.

Il sistema di finanziamento escogitato da Jimmy Wales, dopo la sua esperienza alla Borsa di Wall Street, è quello delle donazioni alla Wikipedia Fundation, che sono deducibili in molti paesi, link per donare.
Per evitare che possano inserirsi persone, che vogliono farsi pubblicità o immettere informazioni fittizie, Wikipedia si appoggia a degli utenti volontari che a titolo gratuito, con funzioni di utenti/amministratori/editor, verificano, correggono e cancellano le informazioni immesse nell’enciclopedia non corrispondenti alle logiche enciclopediche di Wikipedia, tra i quali: spam, pubblicità di aziende, forme definite di vandalismo.
Gli utenti di Wikipedia adottano il cosiddetto “ punto di vista neutrale”, secondo cui non deve essere presa alcuna posizione né di consenso né di opposizione, se non dopo ragionamenti scientifici, verso le voci che vengono pubblicate.
La collaborazione tra utenti, su cui si fonda la Fondazione Wikipedia, è il suo punto di forza per la convinzione che nel tempo le voci possano essere solo migliorate. Il vantaggio di Wikipedia (come indica il suo stesso nome, Wiki=veloce e Pedia=insegnamento) è “l’immediatezza di possedere cultura” nei settori più disparati (la versione italiana ha 301.292 voci!). Praticità e duttilità unite a garanzia di veridicità delle informazioni, le hanno permesso di scalare nel giro di sette anni la graduatoria mondiale di Alexa per richieste, superando siti come quello della Biblioteca del Congresso Statunitense o dell’Enciclopedia Britannica. La ritroviamo anche tra i dieci termini più cliccati su Google nel 2006: la parola che occupa il 6° posto è Wikipedia, quella che sta al 10°, Wiki.
L’Enciclopedia ha vinto, tra l’altro, due premi nel 2004: il Golden Nica (per le comunità digitali all’interno del Prix Ars Electronica) e il Webby Award (premio annuale per i migliori siti web). Nel dicembre 2005 la versione italiana di Wikipedia ha ricevuto due premi nell’ambito del Premio WWW2005, organizzato da “Il Sole24Ore”: come miglior sito nella categoria Istruzione e Lavoro e il Premio speciale “Internet Educational” (assegnato in collaborazione con il Ministero per l’Educazione e le Tecnologie). Wikipedia si presenta come lo strumento ideale, veloce e autorevole per la divulgazione della conoscenza.