19 aprile 2007

Craccato il sondaggio LaStampa.it sul nuovo Leader del Partito Democratico


ATTENZIONE:Gli instant poll online de LaStampa.it non hanno un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

La reputazione dei sondaggi di opinione, specie quelli preelettorali, negli ultimi anni si è andata via via deteriorando dal momento che la politica ne ha sfruttato il loro potere persuasivo nei confronti dell'opinione pubblica per farne uno strumento di propaganda.
Anche le principali testate giornalistiche online si sono fatte prendere dalla moda degli instant poll, ma come viene riportato nella pagina del sondaggio il loro valore demoscopico è pari a zero.

Andiamo al caso di questi giorni, il 10 aprile 2007 La Stampa ha lanciato sul suo sito un sondaggio dal titolo Chi vorreste come leader del nuovo Partito Democratico , fino al 17 aprile 2007 in testa c'era Walter Veltroni, poi nella notte, duemila voti di preferenza sono andati a Francesco Rutelli, diventando il leader più votato. Il giornale ha comunque deciso di pubblicare la classifica prima dell'imbroglio, adducendo che i dati raccolti erano già ampiamente sufficienti per avere una panoramica delle preferenze degli utenti votanti su LaStampa.it.

Classifica definitiva
1° Walter Veltroni (1888) 2° Rosy Bindi (1192) 3° Dario Franceschini (715) 4° Enrico Letta (633) 5° Anna Finocchiaro (500) e Pierluigi Bersani (459).
Questa vicenda ricorda molto i Festival di Sanremo di qualche anno fa, abbinati al Concorso Totip, dove molti cantanti per piazzarsi ai primi posti facevano acquistare a parenti ed amici enormi quantitativi di schedine.
Per saperne di più contatta Barometro  – info@barometro.com